Giovedì, 13/12/2018 turno B2 (opening page 18:51)

"150° anniversario della fondazione del Corpo (1806 - 1956)", domenica 29 aprile 1956, Mostra d'Oltremare.
"La magnifica esercitazione dei Vigili del Fuoco" per la
"Prima giornata del Vigile del Fuoco"

Mostra d'oltremare 1956

“Domenica 29 aprile 1956, giornata caratterizzata da cielo coperto e forte vento di libeccio...”. Questo il bollettino meteo diffuso dai cronisti sportivi della partita di calcio Napoli - Lazio giocata allo stadio Collana del Vomero. Fra i pali per il Napoli c'era Ottavio Bugatti, miglior portiere del campionato di serie A di quell'anno. Eppure mai si era vista una "parata" splendida come quella ammannita dagli uomini del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco per il “150° anniversario della Fondazione del Corpo (1806 – 1956)”, svolta dinanzi alla platea di Fuorigrotta, nei pressi del cantiere dello stadio San Paolo (inaugurato solo 3 anni più tardi) e all’interno della splendida Mostra d’Oltremare, praticamente identica a come la conosciamo oggi.

...la prolusione del Comandante fra grafici e attrezzature...

comandante

Ad assistere alla "Prima giornata del Vigile del Fuoco" per il “150° anniversario della Fondazione del Corpo (1806 – 1956)” c’erano il Presidente della Camera dei Deputati Giovanni Leone ed il Cardinale di Napoli Marcello Mimmi.
Fu il Comandante Ing. Edoardo Colangelo ad introdurre gli invitati alle attività dei Vigili del Fuoco, descrivendo grafici e moderne attrezzature antincendi e a dare corso all'esibizione dalla balaustra centrale del Palacongressi insieme ai suoi ospiti illustri.

...la rivista di uomini e mezzi...

comandante

La manifestazione si svolse prevalentemente nel piazzale antistante al Palacongressi e richiese l’impiego di quasi 400 uomini, perfettamente addestrati ed allenati, e di una ventina di automezzi tra autogrù (Fiat 634 N con telaio rinforzato), autoscale, aps, abp, mezzi anfibi (Wyllis GPA Jeep), oltre l’allestimento di una tenda medica e l’elevazione di un castello di manovra di cinque piani.

...l'esibizione alle scale, alle funi e ai teli...

comandante

La tv aveva fatto la sua timida apparizione soltanto due anni prima e non esisteva altro modo per assistere ad una esercitazione dei Vigili del Fuoco. Non è difficile, perciò, immaginare l'entusiasmo della folla per le prodezze alle scale, alle funi e soprattutto ai teli a scivolo con gli spettacolari "voli d'angelo e salto mortale".

...la simulazione d'incendio...

comandante

Il momento più emozionante fu la simulazione d'incendio svolta in prossimità del castello di manovra che implicò l'impiego di 2 autoscale Fiat 634 N Magirus, 2 APS Fiat 642 ASPI, 2 APS Fiat 666 N7 ASPI, 1 autolettiga fiat 1100, 1 Fiat campagnola AR51 ed altre autovetture di supporto. La prova culminò con l'atterraggio ed il decollo di un Bell 47 G, elicottero importato nel '52 dall'America ed assemblato dall'Augusta.

L'intera manifestazione proseguì per oltre due ore sul piazzale di asfalto bagnato e insidioso ma fu un autentico successo di pubblico nonostante la concomitanza calcistica che, per la cronaca, si concluse con la sconfitta del Napoli per 2 reti a 1. Ma del racconto di questa indimenticabile (e dimenticata) manifestazione non sarebbe rimasta più traccia...