Giovedì, 13/12/2018 turno B2 (opening page 19:28)

I "FIRST RESPONDERS" dei Vigili del Fuoco

BLSD

L'Arresto Cardiaco Circolatorio (ACC) è una delle principali cause di morte nei paesi industrializzati. Dagli studi clinici pubblicati in Europa e negli Stati Uniti (secondo l'American Heart Association e l'Europa Resuscitation Council) risulta che l'ACC colpisce 1 persona su 1000.
La possibilità di Salvare persone colpite dall'ACC si riduce del 10% ogni minuto che passa dall'inizio dell'evento.Dopo 3-4 minuti dall'ACC il cervello subisce danni che nel giro di 10 minuti divengono irreversibili, compromettendo la sopravvivenza stessa del paziente anche se rianimato. L'unica terapia efficace e comprovata, che deve essere eseguita precocemente per trattare questa patologia mortale, è la defibrillazione precoce (DP) abbinata a una rianimazione Cardio-Polmonare (RCP).
Il progetto "Napoli Cuore" Federico II è una delle prime esperienze in Europa di defibrillazione precoce intraospedaliera e sul territorio, con personale sanitario e non. In attesa dell'arrivo del 118 saranno i "First Responders" ad effettuare, quando necessario, l'importantissimo atto della defibrillazione precoce, unica terapia efficace nell'interrompere aritmie maligne, causa della morte improvvisa. Secondo l'attuale legge italiana la defibrillazione precoce può essere effettuata anche da personale non sanitario (cosiddetto "laico") opportunamente addestrato.

A tale scopo il giorno 19 aprile si è tenuta presso l'Aula Magna del Comando di Napoli la giornata di formazione di tecniche BLS-D a cui hanno preso parte, oltre a 6 unità del ruolo operativo e direttivo, anche 15 unità S.A.T.I.
Il corpo docente, diretto dal prof. Maurizio Santomauro e costituito da medici e istruttori di rianimazione, ha dimostrato grande preparazione e professionalità. Il corso, suddiviso in una parte teorica e in una pratica, è stato seguito con molto interesse da parte di tutti i partecipanti. Sono state anche create 4 isole per la simulazione delle varie manovre previste da tali tecniche sanitarie.
Al termine del corso sono seguiti gli esami per conseguire l'attestato di "Soccorritore BLS-D" e la consegna dei diplomi.